In MEMORIA DI GILBERTO GOBBI

di Pino Morandini

Non ritengo importante ricevere l’approvazione della società. Dovrei essere” corretto culturalmente”: non lo sono”. Questo era Gilberto Gobbi. Con quelle parole chiosava l’introduzione ad un suo saggio sui valori antropologici. Esse mi pare scolpiscano l’uomo e lo studioso.Psicologo e psicoterapeuta, appassionato dei temi legati ai giovani – con particolare riferimento alle questioni sessuali e affettive – e alla famiglia, ha reso un servizio coraggioso e lucido alla verità sull’uomo.

Profondamente convinto che il comportamento sessuale debba radicarsi in un’antropologia autenticamente umana (dove ha sede la verità sull’uomo), ha documentato con onesta’ scientifica quanto si rivelino fondamentali, ai fini dell’identità psicosessuale, le relazioni, il vissuto, il clima psicoaffettivo della famiglia, unitamente alla dimensione biologica.

Continua a leggere

Venerdì di Passione. I Sette dolori di Maria secondo Papa Francesco

Prof. Roberto Filippetti, www.filippetti.eu

Sulla sua pagina di Facebook di Venerdì 3 Aprile, Roberto Filippetti (facile accesso a fb dal sito www.filippetti.eu) ha ricordato i Sette dolori di Maria sui quali al mattino, da Santa Marta, Papa Francesco aveva meditato con tanta commozione e devozione.

Tali misteri, al centro della secolare meditazione cristiana, indicano come l’anima, nella ricerca interiore di Cristo, abbia in Maria la guida all’unione con il Signore nell’Opera della Redenzione (1). Sicché, la meditazione teologica e affettiva di simili

Continua a leggere

Donne che hanno fatto la storia

Esce in questi giorni “Donne che hanno fatto la storia“.

Si dice spesso che la storia delle donne è un lungo susseguirsi di violenze e discriminazioni, subite sempre allo stesso modo. Così facendo si dimentica che ogni epoca, ogni religione e ogni filosofia hanno una propria visione della natura della donna, del suo ruolo e del suo rapporto con l’uomo. Ridurre tutte le donne della storia

Continua a leggere

L’uomo di fronte alle pandemie

Quando si sono diffuse per prime pandemie? Da dove partirono? Come furono affrontate? Come si comportò la Chiesa?… A questa e ad altre domande, risponde Francesco Agnoli, intervistato da L’Occidentale.

Chi inventò le quarantene e in quale circostanza?

Sembra che “quarantena” sia la forma veneta per quarantina. Fu Venezia ad imporre, durante la peste nera del 1347, a tutti i vascelli in arrivo di rimanere alla fonda per un periodo di 40 giorni. Certamente non si sapeva bene cosa la peste fosse, ma si intuì cosa bisognasse fare. Ciononostante la città perse circa il 60% dei suoi abitanti

Continua a leggere

Leggiamo insieme Il Signore degli Anelli (2)

Paolo Nardi, caporedattore Fede & Cultura, prova ad affrontare la lettura del capolavoro di J.R.R. Tolkien capitolo per capitolo, analizzandone i temi. Ecco il capitolo 1, “Una festa attesa lungo”, che apre la prima parte della trilogia, “La Compagnia dell’Anello”, e torna su certe caratteristiche degli Hobbit già affrontate nel Prologo.

Visita: https://link.fedecultura.com/Tolkien

Il padre secondo Maria Zambrano

Nell’immaginario comune alla nostra cultura il padre è stato per secoli accostato alla figura di san Giuseppe.

San Giuseppe è l’uomo che carica Maria e Gesù sull’asino, e cammina al loro fianco; l’uomo che serve, in silenzio; l’uomo che si dà tutto, senza risparmiarsi. La sua forza è la sua generosità, il suo altruismo, la sua assoluta libertà da ogni tentazione narcisista. E’ un modello di uomo di padre completamente diverso da quello proprio del mondo antico precristiano, nel quale dominava il padre con potere assoluto, persino di morte, sui propri figli.

Continua a leggere

Un Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus promosso dall’Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân

A seguito della riflessione dell’Arcivescovo Giampaolo Crepaldi su “Coronavirus: l’oggi e il domani”, l’Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân ha promosso un Tavolo di Lavoro per approfondimenti secondo due criteri: concentrarsi sul dopo-coronavirus e tenere direttamente o indirettamente conto della prospettiva della Dottrina sociale della Chiesa. Al tavolo partecipa il gruppo redazionale dell’Osservatorio e una serie di esperti nei vari campi di ricerca. Abbiamo anche coinvolto altri centri di studio per uno scambio di contributi.

Il Tavolo di Lavoro viene promosso – come già la riflessione dell’arcivescovo Crepaldi – anche dal Coordinamento Nazionale Justitia et Pax per la Dottrina sociale della Chiesa. Il Coordinamento conta oggi 30 associazioni operanti in tutta Italia e auspichiamo che altre vi aderiscano. Insieme si lavora meglio e la Dottrina sociale della Chiesa ha bisogno di essere portata avanti in modo coordinato. Chi intende aderire può contattare il direttore Stefano Fontana scrivendo a: info@vanthuanobservatory.org.

Mons. Crepaldi nella sua riflessione ha affermato che “niente sarà come prima”. È su questo che vogliamo concentrarci, fornendo qualche riflessione e proposta affinché possa essere l’occasione per ripensare in meglio tanti aspetti della nostra vita sociale che vengono stravolti dell’epidemia. Non siamo ingenui utopisti. Sappiamo bene che ci aspettato difficoltà e tensioni. Riteniamo comunque un dovere di un centro studi riflettere insieme ad altri sul futuro che vogliamo costruire, anche nelle difficoltà. Continua a leggere

News dalla rete

  • Ripensare il concetto di libertà e democrazia

    di Stefano Fontana. La difesa della salute non può essere barattata con la perdita della libertà. Ma allo stesso tempo non possiamo dimenticare che una malintesa democrazia in questi anni ha distrutto la famiglia e demolito il principio del diritto alla vita. La sfida è respingere l’autoritarismo ma senza tornare alla falsa democrazia e falsa libertà. Leggi il seguito…

  • Lotta alle fake news? Allora iniziate dalla Cina

    di Eugenia Roccella. Noi di sospetti nei confronti del comportamento della Cina ne abbiamo molti, e il tentativo di ripulire la propria immagine e presentarsi come nazione benefattrice ci insospettisce ancora di più. L’inquietudine cresce vedendo come quelli che una volta erano gli scatenati anti-casta nostrani, i fautori della trasparenza, siano molto silenziosi sulle evidenti storture del regime cinese, e incredibilmente amichevoli nei confronti di una nazione governata da una casta vera, che la trasparenza la vuole solo a senso unico, per controllare i comportamenti dei cittadini. Abbiamo sempre avuto il dubbio che la virulenza con cui i 5s attaccavano i partiti e la politica fosse legata a uno strisciante antiparlamentarismo. L’affettuosa indulgenza dei grillini verso il regime cinese alimenta le perplessità: non è che la casta è costituita solo dagli eletti dal popolo, mentre se si è nominati dal partito il problema è risolto? Leggi il seguito…

  • Covid, richiamo alla conversione di popoli e nazioni

    di Stefano Fontana. Il cristianesimo si è sempre rivolto sia alle persone che ai popoli. Aborto, eutanasia, strage di embrioni umani, divorzi, bambini "adottati" da omosessuali: sono le “strutture di peccato” di cui parlava San Giovanni Paolo II, la sedimentazione dei peccati individuali che diventano sociali. Per questo è indispensabile che la Chiesa ritorni a parlare di conversione non solo dell'uomo, ma della società.  Leggi il seguito…

  • Usa-Cina, ecco il nuovo bipolarismo mondiale: l’Italia scelga!

    di Eugenio Capozzi. E’ ancora difficile valutare, ora, quanto e come sarà cambiato il mondo alla fine della pandemia da Covid-19. Tuttavia possiamo già cominciare a ragionare su alcuni dati inequivocabili. Tra questi il primo e più fondamentale mi pare il fatto che gli sconvolgimenti politici ed economici portati dal contagio rappresentano già ora parte di un grande processo di riassestamento dell’equilibrio di potenza mondiale intorno a una più accentuata polarizzazione tra Cina e Stati Uniti. Leggi il seguito…